Pietro Antonio Coppola

(Enna 1793 - Catania 1877). Figlio d'arte. Fanciullo, seguì a Catania il padre Giuseppe (1750-1823?), scritturato dal principe di Biscari. Precocissimo, già dodicenne, impartiva lezioni di musica. Nel 1823 divenne direttore artistico del teatro Comunale, presentandovi due anni dopo Il figlio bandito e poi, nel 1830, Achille in Sciro e Artale d'Alagona.
Ancora due anni e passò a Napoli a dirigervi il San Carlo. Il suo nome rimane legato alla Nina pazza per amore, che dopo il debutto al teatro Valle di Roma (1835) fu rappresentata con successo in tutti i teatri d’Europa. Fu anche direttore del San Carlos di Lisbona, dove si stabilì per rientrare definitivamente a Catania nel 1871. Ottantaquattrenne, compose un Requiem per Bellini.

Enciclopedia di Catania - Tringale Editore